MARIMBA
AN INMATES LULLABY

S
ull'onda grafica, di linee e di spazi,
davanti al monitore i baffi liscio,
che sembro un gattone!
E poi m'incanto, e penso a lei...

Col suo nome intreccio una flebile cantilena,
che m'incassa il cuore.
Mala memoria, memoria bastarda!
Ch'io troppo t'innaffio, che scivoli via...

Non demordi! E provi a salvarti,
grippando con le unghie ciò che sembro.
In onore degli istanti successivi allor ti osservo,
sotto la mia porta, la stessa che'l profumo dei bomboli
ogni alba fluttua e riscalda.

Rido e mi vanto, beffardo,
di come dagl'astri salto ai gastri.
Osservo i sogni, lei e i bomboloni, come tre diverse stagioni.

Felice, nel comporre controcanti alle mie notti,
l'autunno fa sparire,
risuonando sulle ossa, come marimba.
 

<< Torna a Scritti

Home Page

 

by Wikingo©

 
 
 

Index | Grafica e loghi | Decorazione | Eventi musicali | Pittori famosi | Pittori per interni | Progetti didattici | Poesie | Notizie | Palacongressi